Terre di Ger | PIWI & Terre di Ger: da tre anni guardiamo al futuro
Terre di Ger, casa vinicola e vigneto, a Frattina di Pravisdomini (PN) - Italia
vino friulano, terre di ger, refosco
22499
post-template-default,single,single-post,postid-22499,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

PIWI & Terre di Ger: da tre anni guardiamo al futuro

Dal 2015 a Terre di Ger piantiamo vitigni resistenti. Ora che il futuro è diventato presente, siamo orgogliosi di essere andati in contro tendenza e aver investito sulle PIWI.

 

Terre di Ger ha cominciato a piantare vitigni resistenti nel 2015, andando fortemente controcorrente rispetto ai produttori che si concentravano su Glera e Prosecco. Attualmente abbiamo circa venti ettari a vigneti resistenti e ne pianteremo altrettanti durante il 2019. Il 23 gennaio scorso sono stati anche presentati per la prima volta, durante l’incontro di PIWI International a Monaco, i vini di pianura veneti e friulani, una novità che risulta un punto di partenza per allargare gli orizzonti e i mercati.

Primo banco di degustazione PIWI in Italia.

Dopo l’approvazione delle varietà resistenti in Friuli-Venezia Giulia e la fondazione dell’associazione regionale, ecco un altro piccolo grande traguardo per chi, come noi, crede fortemente nella rivoluzione PIWI: il 27 gennaio scorso si è tenuto, a Milano, il primo banco di degustazione ufficiale di vini a varietà resistenti in Italia. Noi di Terre di Ger eravamo presenti, a rappresentanza del Friuli, insieme ad una ventina di produttori provenienti da Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta, Lombardia e Piemonte ed è stata un’occasione importante per dialogare e far conoscere questa realtà ai partecipanti. Intervenire in questo evento e poter far assaggiare i nostri vini ci ha dato la conferma che il pubblico dimostra sempre più curiosità verso i vitigni resistenti.

Vigneto tradizionale vs vigneto resistente.

Attualmente nel Nord-Est Italia c’è grande tensione sociale contro il vigneto. In primo luogo, il numero smisurato di impianti di Prosecco, Glera e Pinot Grigio hanno fatto sì che in tutta la pianura padana ci sia una sovrapproduzione di uva bianca che il mercato fa fatica a smaltire con la conseguenza di un forte abbassamento dei prezzi. D’altro canto, l’opinione pubblica è allarmata dal fatto che i vigneti siano sempre più vicini a luoghi sensibili come scuole, supermercati, asili e si sta sempre di più convincendo a piantare vigneti a varietà resistenti che necessitano di 3-4 trattamenti chimici annuali rispetto ai 15-16 dei tradizionali, a beneficio della salute.
Noi siamo innamorati del nostro territorio e la scelta di portare avanti questa filosofia non dipende dalla pressione sociale che è in atto: piantiamo vitigni resistenti perché siamo convinti che nella scala delle priorità ci debba essere la salute di chi lavora in vigna e chi vive attorno ad essa, oltre che ad ottenere di conseguenza un prodotto più naturale, senza agenti chimici.

Il futuro è diventato presente.

Oggi stiamo cercando, non senza fatica, di creare un mercato per questa tipologia di vino, con precisa attenzione alla differenza delle varietà, alla compatibilità del territorio e alle potenzialità del vitigno.
Siamo soddisfatti che le nostre scelte, allora fortemente criticate, siano in questo cruciale momento di esempio per coraggio e iniziativa. La strada è ancora lunga e in salita ma i primissimi risultati cominciano ad arrivare e questo non fa altro che accrescere la nostra voglia di lavorare sui nostri progetti che riguardano le PIWI.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Our website is not completely updated for more info please contact us.

 

Il nostro sito è in aggiornamento, per info più dettagliate contattaci.