Terre di Ger | PIWI e Genetica: El Masut e Limine protagonisti a Milano
Terre di Ger, casa vinicola e vigneto, a Frattina di Pravisdomini (PN) - Italia
vino friulano, terre di ger, refosco
22469
post-template-default,single,single-post,postid-22469,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

PIWI e Genetica: El Masut e Limine protagonisti a Milano

Mercoledì 5 dicembre a Milano abbiamo partecipato con i nostri vini PIWI a un aperitivo durante il quale si è parlato dell’innovazione genetica in viticoltura.

Si è tenuto mercoledì 5 dicembre a Milano, presso Palazzo Bovara, un interessante incontro sull’innovazione genetica in viticoltura. Esperti e giornalisti si sono incontrati per discutere un tema assolutamente attuale che riguarda la possibilità di produrre nuovi vini di alta qualità da varietà di vite a bacca bianca e rossa resistenti alle malattie fungine. Il professore Michele Morgante Ordinario di Genetica dell’università di Udine e Direttore Scientifico dell’istituto di Genomica Applicata si è occupato di selezionare le varietà; nel 2015 il suo team di ricerca, in collaborazione con i Vivai cooperativi di Rauscedo, ha iscritto nel registro nazionale dieci varietà di vitigni resistenti: Fleurtai, Soreli, Sauvignon Kretos, Sauvignon Nepis, Sauvignon Rytos, Cabernet Eidos, Cabernet Volos, Merlot Khorus, Merlot Kanthus e Julius.

Durante la serata, il professor Morgante ci ha spiegato che il progetto di ricerca e innovazione è cominciato vent’anni fa e il grande risultato è proprio quello di essere riusciti a creare queste nuove varietà che riescono a coniugare la sostenibilità ambientale e la qualità enologica. “Speriamo che queste innovazioni riescano a trovare il giusto spazio” ha detto Morgante, “anche a fronte di una situazione molto complessa dal punto di vista normativo che sta un po’ rallentando la loro introduzione nella produzione di alta qualità.”

Dopo aver assaggiato i nostri vini si è poi detto particolarmente entusiasta. “Aspettavamo che produttori di alto livello iniziassero a fare vino con le nostre varietà” ha affermato, “anche per capire quali siano effettivamente le potenzialità enologiche e mi sembra che il risultato ottenuto sia ottimo”

Come vini destinati alla commercializzazione, i nostri El Masut e Limine hanno destato molto interesse durante l’assaggio e anche la giornalista Costanza Fregoni della rivista Vigne, Vini & Qualità che guidava la serata li ha trovati interessanti. “Il Limine mantiene una buona quota dei profumi del Sauvignon” ha commentato, “con una spiccata sapidità. Un bianco indubbiamente al passo con i tempi. Mentre nel rosso El Masut ho trovato con piacere una nota di pepe nero, cosa che mi risulta essere molto apprezzata dal mercato attuale”

Come Terre di Ger siamo stati orgogliosi di partecipare a questo evento proprio perché la nostra cantina sta investendo molto sulle PIWI e portiamo avanti con passione un progetto di vinificazione naturale che ci sta dando incredibili soddisfazioni.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.